Armella e Associati

Corte di Giustizia: esclusa la responsabilità solidale del rappresentante indiretto in relazione all’Iva

Il rappresentante indiretto in Dogana non può essere ritenuto responsabile in solido con l’importatore in relazione all’Iva. Ad affermarlo è la Corte di Giustizia con la sentenza 12 maggio 2022, C-714/20, la quale, confermando l’ormai consolidato orientamento della Corte di Cassazione, ha definitivamente chiarito che l’Iva all’importazione non è un tributo doganale. La vicenda trae origine da alcuni avvisi di accertamento con i quali l’Agenzia delle dogane aveva ritenuto solidalmente responsabili per l’Iva sia l’importatore che il rappresentante indiretto. Ad avviso dell’Ufficio, tale imposta rientrerebbe nella nozione di “obbligazione doganale”, giustificando l’applicazione di una responsabilità solidale dello spedizioniere doganale. Con [...]

Estesi i dazi antidumping sugli accessori per tubi di ferro e acciaio

I dazi antidumping sulle importazioni di accessori di tubi di ferro o acciaio di origine cinese interessano anche le importazioni da Taiwan, Indonesia, Sri Lanka e Filippine, indipendentemente dall’origine dichiarata in Dogana. Con il Regolamento UE 22 aprile 2022, n. 674, la Commissione europea ha modificato il Regolamento UE 24 gennaio 2022, n. 95, precisando che non può essere riconosciuta un’esenzione dai dazi antidumping per i fornitori taiwanesi. Le importazioni di tali prodotti (classificati alle voci doganali 7307 93 11 91, 7307 93 19 91, 7307 99 80 92) sono, pertanto, soggette all’applicazione di un dazio antidumping definitivo pari al [...]

By |09/05/2022|Categories: Dogane, Fisco e tributi|

Le nuove regole operative in materia di controlli radiometrici per l’importazione di merci in metallo.

A seguito dell’emanazione del D.L. n. 17/2022, meglio conosciuto come “Decreto Energia”, quest’anno entreranno finalmente in vigore le nuove regole relative alla sorveglianza radiometrica nel settore delle importazioni di merci in metallo. A partire da Luglio 2022, gli operatori del settore dovranno quindi attrezzarsi per adeguarsi alle nuove procedure, anche se con importanti e benvenute novità rispetto alla disciplina originariamente prevista dal D.lgs. 31 Luglio 2020 n.101. Nell’ottica di recepire la direttiva 2013/59 EUROATOM del Consiglio, il Governo, con l’emanazione del contestato D.lgs. 31 luglio 2020 n. 101, si era riproposto di garantire adeguati livelli di sicurezza sanitari introducendo l’obbligo, [...]

By |16/03/2022|Categories: Dogane|

Stabiliti dazi antidumping definitivi sui fasteners in ferro o acciaio cinesi

 Il 18 febbraio 2022 è ufficialmente entrato in vigore il Regolamento di esecuzione (UE) 2022/191, tramite il quale la Commissione europea istituisce un dazio antidumping definitivo sulle importazioni di elementi di fissaggio in ferro o acciaio (c.d. fasteners) di origine cinese. Dopo aver constatato un considerevole calo dei profitti per le Società europee produttrici di viti, bulloni e altri elementi di fissaggio in ferro e acciaio e il contestuale raggiungimento del 15% della quota di mercato da parte delle imprese cinesi, la Commissione ha dichiarato l’esistenza del dumping, e del nesso di causalità tra le importazioni dalla Cina e il [...]

By |24/02/2022|Categories: Dogane, Fisco e tributi|

Bunkeraggio: chiarimenti sulla documentazione necessaria per beneficiare della non imponibilità Iva

Con la risposta a interpello 25 febbraio 2022 n. 89, l’Agenzia delle Entrate fornisce importanti chiarimenti circa gli adempimenti richiesti ai fini dell’applicazione del regime di non imponibilità Iva, previsto dall’art. 8 bis dpr 633/1972 per i soggetti che vendono lubrificanti a navi adibite alla navigazione in alto mare. Ai fini del riconoscimento del regime di non imponibilità, la società istante, attiva nel settore del bunkeraggio, chiedeva quali fossero le modalità per ottemperare all’obbligo introdotto dalla legge 30 dicembre 2020 n. 178. In particolare, tale normativa prevede, a carico degli operatori del settore, la presentazione di un’apposita dichiarazione attestante che [...]

By |19/02/2022|Categories: Iva comunitaria e nazionale|

Il differimento del termine di prescrizione del credito per accise

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza 22 novembre 2021, n. 35903, interviene in materia di prescrizione del diritto di credito per accise, stabilendo principi di fondamentale importanza, a seguito di una puntuale analisi in merito ai comportamenti omissivi e alla loro idoneità a provocare il differimento del termine di prescrizione. Il mancato versamento del dovuto non configura sempre un “comportamento omissivo” e il differimento del termine di prescrizione del diritto di credito per accise si applica laddove la condotta omissiva sia imputabile, anche a titolo di concorso, al soggetto passivo di imposta. Tali principi sono volti a far chiarezza in [...]

By |19/01/2022|Categories: Diritto tributario nazionale|

La prescrizione per la rettifica delle accise viola la Costituzione

L’art. 57, comma 3 d.lgs. 26 ottobre 1995, n. 504 che individua il termine prescrizionale per l’azione di recupero delle accise è contro la Costituzione, poiché assoggetta il contribuente all’azione del Fisco per un tempo indeterminato, in violazione dell’art. 24 della Costituzione Ad affermarlo è la Corte Costituzionale con la sentenza 26 ottobre 2021, n. 200 con la quale, pur non potendo intervenire direttamente in modifica del Testo unico sulle accise, essendo tale operazione di esclusiva competenza del legislatore, la Consulta ha espressamente riconosciuto le gravi criticità costituzionali della disciplina della prescrizione inerente le accise sull’energia elettrica, tanto da concludere [...]

By |31/12/2021|Categories: Iva comunitaria e nazionale|

Crediti R&S: prescrizione per l’accertamento

L’inesistenza del credito di imposta da ricerca e sviluppo deve essere accertata nel termine di prescrizione di otto anni, al contrario, nel caso in cui il credito sia esclusivamente non spettante, tale termine è dimezzato, non essendo in tal caso richiesta un’approfondita attività istruttoria Ad affermarlo è la Corte di Cassazione con la sentenza del 16 novembre 2021, n. 34445 con cui la Suprema Corte ribadisce il principio di diritto in base al quale il termine di decadenza ottennale è applicabile esclusivamente nel caso in cui siano concessi dei crediti da ricerca e sviluppo ritenuti inesistenti. Sotto tale profilo, la [...]

By |30/12/2021|Categories: Diritto tributario nazionale, Fisco e tributi|

Al via il nuovo sistema di gestione dei rischi Ue

Dal 1° gennaio 2022 entra in vigore il “Customs Risk Management System 2” (CRMS2), il nuovo sistema Ue per la gestione dei rischi doganali. L’obiettivo, secondo la nota della Commissione europea del 1° dicembre scorso, è di rafforzare i controlli doganali all’interno dell’Unione europea, proteggendo i cittadini e le imprese, nonché gli interessi finanziari dell’Ue.  Il nuovo sistema favorisce lo scambio di informazioni in tempo reale tra le amministrazioni doganali unionali, consentendo di identificare le spedizioni di merci ad alto rischio che potrebbero avere gravi implicazioni per la sicurezza dell'Ue e dei suoi cittadini.  Particolare attenzione è rivolta, infatti, ai [...]

By |30/12/2021|Categories: Dogane|
Go to Top